martedì 29 dicembre 2015

Ancora sulla chiesa di San Procopio



di Giuseppe Ruiu



Nel precedente studio: San Procopio di Cargeghe, ipotesi sull'ubicazione della chiesa ruraleera stata indicata - in base a consultazione di documenti d'archivio e indagine toponomastica -un'area nella quale si pensava fosse anticamente ubicata la chiesa campestre, oggi non più esistente. 
Ricadente nel territorio, a valle dell'attuale abitato, dove la tradizione popolare ritiene fosse stanziata Carieke, la Cargeghe medievale. Tradizione, sembrerebbe, supportata da indagini archeologiche condotte alla fine del secolo scorso. 
Grazie a una memoria orale, pressoché sconosciuta, è possibile circoscrivere con più precisione il sito dove si ritiene fosse anticamente collocato l'edificio di culto.
Materiali lapidei e frammenti ceramici in superficie sparsi sul terreno, indicano forse la presenza di una struttura in muratura. 
L'area conservava, almeno fino al XVIII° secolo, l'agiotoponimo di Santu Procòpiu o Precòpiu, come indicato nei registri parrocchiali dell'epoca.



















martedì 3 novembre 2015

Il testamento dell'avvocato don Giommaria Satta, ultimo cavaliere di Cargeghe


a cura di Giuseppe Ruiu


Riesumato dall'oblio degli archivi dopo un lavoro di ricerca, e trascritto fedelmente dall'originale in lingua italiana, l'inedito manoscritto, composto da sei fogli, del testamento orale fatto di fronte a testimoni con una dichiarazione solenne, dell'ultimo rappresentante della famiglia dei cavalieri Satta di Cargeghe (qui la loro genealogia), l'avvocato don Giommaria Satta Budroni - la cui non sempre lieta parabola terrena è stata descritta in altro lavoro -, rappresenta un prezioso documento della prima metà del XIX° secolo, di sicuro valore storico per Cargeghe, in virtù del fatto che egli lasciò beneficiaria della gran parte del suo patrimonio la chiesa del paese.
Per tramite della dettatura del morente, riportata con grafia decisa e mano precisa dall'estensore, il notaio Giovanni Maria Floris, è possibile rievocare le sue ultime volontà in tutta la loro morale e mortale ritualità.

Nella trascrizione ci si è attenuti alla grafia originale. Alcuni interventi sono stati effettuati esclusivamente nelle abbreviazioni, nella punteggiatura e nella resa delle maiuscole. Il tutto per uniformare il testo e renderlo più leggibile secondo criteri sintattici e ortografici moderni. I termini di interpretazione incerta sono compresi tra parentesi quadre con punto interrogativo.

Foglio I
«Testamento nuncupativo del signor avvocato Giommaria Satta cavaliere di questo villaggio di Cargieghe come infrascritto

L'anno del Signore mille ottocento trentuno ed allì undici del mese di marzo in Cargieghe

Nel nome del nostro Signore Gesù Cristo della Santissima Vergine Madre Maria, e più Santi della celeste patria.

Dovendo tutti morire nel tempo, ad ora incerta; quindi [?] che io avvocato Giommaria Satta cavaliere di questo villaggio deposto in letto, oppresso da corporal malattia, sano però di mente, vista, udito, e con chiara favella faccio questo nuncupativo testamento presso l'infrascritto notario di mio ordine chiamato e da me pregato nel modo e forma seguente.

Raccomando l'anima mia al suo Creatore, acciochè come degnossi redimerla col preziosissimo suo sangue, si degni così bene riceverla nella Sua alta Gloria. 

Eleggo sepoltura ecclesiastica, in questa parrocchial chiesa, al mio cadavere nella capella patronato sotto l'invocazione delle Anime del Purgatorio, vestito di abito bianco e posto entro una cassa nuova foderata di velluto nero in setta, con zallona d'oro vero, ivi portato dai confratelli dell'illustre Arciconfraternita di Santa Croce, di cui ne sono attual priore, con dare al detto oratorio dodici candele di cera tre a libra, le quali si porteranno dai confratelli per accompagnare il cadavere in detta parrochial chiesa, senza computarsi questo nella funeralia, accompagnato dall'apparato con tre pause così dette, con applicarmi quattro messe d'apparato una corpore presenti, la seconda il giorno del terzo, la terza il giorno settimo e la quarta il giorno trigesimo, con mettere nell'altare al tempo della vispertina il numero di dodici candele da tre a libra ed altre dodici in giro del cadavere al tempo della messa e responsorio corpore presenti; per tutto il quale lascio la somma di scudi cento moneta sarda che perciò dovrà vendersi l'argenteria, le botti ed altri mobili ed utensili di casa, eccetuati quelli come infra [predigati?]; e non bastando questo dovrà pagarsi alla vendita delle mie peccore ed il sopravanzo di essa partita dovrà applicarsi in tante messe basse, in suffraggio dell'anima mia, per cui ed a questo solo riguardo né incarico il paroco pro tempore di questo medesimo villaggio, che nomino

foglio II
per esecutore per la sola asistenza alla vendita, affinché si eseguisca il disposto della sola mia funeralia ed impiego di detta somma come sopra.

Lascio a riguardo di legato alla vedova Maria [Sechi?] di questo villaggio, un rasiere di grano, a Maria Tolu Demartis mezzo rasiere di grano, a Gian Gavino Tolu altro mezzo rasiere di grano, per una volta soltanto, a riguardo della servitù che mi han prestato quali legati, si davano dal mio esecutor testamentario nominando dopo seguito il mio decesso, del grano si troverà in magazzino e nel caso non verrà trovato, dal grano della prima raccolta.

[Prelego?] alla baila o servante Maddalena Saba tre rasieri di grano, per una via tantum, da darsi come [?]. Inoltre lascio alla stessa Saba qualche utensileria di cocina che le abbisognasse, e qualche altro per la farina colla tavola di noce per fare il pane, da scegliersi li utensili d'accordo dell'esecutore nominando.

Di più lascio alla medesima servante Saba uno dei due otri esistenti nella stanza ove essa dorme, a scegliersi a di lei piacimento, insieme al cortinaggio di tela, pagliericcio con materazzo e tre coperte di lana gialla alquanto usate ed un poco di lenzuolla nuovi, tela ordinaria.

Alla figlia di essa Maddalena, detta Lucia, lascio così come jure legati il sofà, che si destinò a Cicitu mio, fu mio figlio, allor quando andiede in Sassari agli studi, col picol pagliaricio, matarazzo coperta di lana ed un paio di lenzuolla nuovi, tela ordinaria, se vene fossero rinchiusi e conservati nella cassa grande nera, lascio jure legati alla figlia dell'oggi difunta Maria Ritta Pinna, chiamata Cattarina e del vivente Salvatore Pitalis, l'altro cortinaggio esistente nella medesima stanza oggi giorno, ove dorme la detta baila Saba, insieme con trepiè e tavole d'altro letto, ed un poco lenzuolla e coperta sia bianca che d'altro colore sevene fosse, e ciò a riguardo della servitù, che prestò in casa la detta defonta madre Maria Ritta ed a me.

Lascio così bene a riguardo di legato a Giovanni Antonio Carta di questo villaggio, la sciabola colle monete d'argento, due tratti di terra aratoria sitti in questi territorri, e nella vidazoni di Campo di Mela, denominati uno Su Narbone di Santu Pedru e l'altro Sas coas de molinu in considerazione della verace stima e della comune benevolenza che da cugino, quale egli [?] è, mi professa.

Foglio III
Similmente lascio jure legati al bailo e servitore Antonio Uda, la tentorgia che ho della cavalla grande ed al figlio Giuseppe la polledra, in compenso della servitù che mi prestarono.

Lascio a riguardo di legato alle monache capucine della città di Sassari, annualmente ed in perpetuo, un rasiere di grano, coll'obbligo di farmi applicare annualmente e perpetuamente tre messe basse.

Voglio che recandosi annualmente per la questua li religiosi operanti di Terra Santa, si dia alloggio nelle case destinando per legato del detto Antonio Uda e Maddalena Saba, con prestare da questi ad essi religiosi l'attendenza con provvederli a spese dell'asse ereditario, di letto, d'alimenti tanto per essi che per i cavalli saranno necessari, e ciò annualmente e perpetuamente.

Lascio alla parrochial chiesa del villaggio di Muros, sotto l'invocazione dei Santi Martiri Gavino, Protto, e Gianuario il salto di terra aratoria posto in Campu de Mela, una parte del quale si chiama Serra Mamone, e l'altra parte di [Scala?] Mamone, coll'obbligo di celebrarsi perpetuamente un anniversario con messa apparato e responsorio solenne annualmente e perpetuamente nel giorno del mio decesso, con [?] nell'altare nell'altare maggiore (sic) sei candele di libra.

Voglio che mentre vivano li predetti congiugi bailo Antonio Uda e baila Maddalena Saba godano a vitta durante possiedano la porzione dello stallo di mia attuale abbitazione, cioè la stanza ove attualmente detta Maddalena dorme, colla cocina oggi giorno di mio uso, colle rimanenti stanze attigue pur poste di basso, coll'obbligo d'alloggiare una volta l'anno recandosi per la questua li religiosi operanti di Terra Santa, somministrandoli la sola attendenza, e dello stesso modo si darà alloggio ed attendenza alli [?] delle monache capucine, e regio spedale di Sassari.

Lascio al paroco pro tempore di questa paroqial chiesa il rimanente di questo mio dominario, con tutto il giardino annesso dei portogalli (aranci - ndc), vitti, ed altri alberi fruttiferi, che lo compongono, coll'attigua vigna detta di Cannedu vanno, ed alberi di olivo e sue pertinenze, coll'obbligo perpetuo d'applicare e far applicare settantacinque messe basse annualmente in suffragio dell'anima mia e di più a tutti miei congiunti

foglio IV
seconda di mia intenzione; di celebrare la festa di San Giovanni Battista con vespro e messa in apparato il giorno in cui cade, con mettere all'altare all'altare maggiore (sic) e nel caso in cui la capella di esso Santo, nella medesima, con accendere in esso altare il numero candele di tre a libra dodici e senza accendere, cioè cera nuova: ugualmente sarà obbligato il paroco pro tempore fare tutte le necessarie riparazioni in esso dominario, come anche nelle muraglie del giardino, ripparato ed in buono stato ed al dovuto tempo coltivato e mantenuto lo stesso giardino e vigna qual buon padrone di famiglia. 

Seguita poi la morte dei predetti baili coniugi Antonio Uda e Maddalena Saba, prevenga allo stesso paroco pro tempore la porzione dello stesso Stallo e tutto unito lo possieda il medesimo paroco, coll'obbligo della perpetuamente applicazione di altre quaranta cinque messe basse, formanti quelle e queste di totale numero di cento venti messe basse annualmente e perpetuamente; e nel caso che per un solo anno lasci esso reverendo paroco di coltivare ed attendere esso giardino e vigna, ripparare ed attendere il dominario e [?] come sopra da quel paroco contraventore, decada dal possesso durante il tempo starà paroco; ed in tal caso, l'ordinario, colle stesse condizioni ed obbligo del paroco potrà nominare altro soggetto di suo piacimento purché sia persona ecclesiastica o sacerdote e la tal persona non adempiendovi, decada dallo stesso possesso come il paroco contraventore, come pure dandosi il caso di essere vacante la parochia, durante la vacanza della medesima, possieda colle stesse condizioni ed obbligo esso dominario, giardino e vigna, la stessa parochia e non in altro modo e forma.

Interrogato io testatore dall'infrascritto notario. Rispondo non lasciar partita di danaro a questo montenumario (monte nummario - ndc) né di soccorso: partita, elemosina, ne cosa alcuna al riscato dei [?], né al conservatorio delle figlie della provvidenza; e solamente lascio al regio spedale della città di Sassari, la limosina di corbole (ceste - ndc) tre di grano annualmente e perpetuamente, da consegnarli all'occorrenza una l'economo spedaliere per la questua in questo villaggio e non altrimenti.

Dichiaro che il rasiere del grano come sopra lasciato alle monache capucine di Sassari, debba consegnarsi all'economo di esse venendo in casa per l'annuale 

foglio V
questua del grano, per condurlo ad esso monastero capucino.
Nei rimanenti dei miei beni presenti e futturi, e per avere in qualunque modo e forma a me spetanti, instituisco per mio erede universale questa parochial chiesa di San Chirico (sic) sotto l'invocazione dei Santi Martiri Quirico e Giulita, nell'obbligo di far il trentenario, computandosi nel medesimo le quarantore che nell'ultimi tre giorni di carnevale con dire ogni sera il rosario, le litanie della Madonna, ed in fine la benedizione col venerabile e responsorio alle Anime del Purgatorio, con annessi diciotto candele nell'altare maggiore, e nella settimana di Passione, il settenario della Madonna Adolorata, da celebrarsi nella stessa parochia ed altare maggiore, con accendersi ogni sera dodici candele di tre a libra, non più [?] accesa e venti quattro il giorno della festa, con messa d'apparato, con fare una lapide di marmo nella detta capella patronato colla sua iscrizione, ossia epitaffio a piacimento del paroco, e sotto la lapide, la tomba, in cui deve esser riposta la cassa col cadavere, il quale voglio che per nissun titolo venghi rimossa e non altrimenti; come pure voglio, che quando vi saranno fondi dai frutti che procurerà da detti rimanenti beni, si faccia in detta chiesa la capella di San Giovanni Battista col suo altare, il simulacro della Vergine Addolorata colle spade d'argento: e finalmente voglio, che qualora vi siano frutti provenienti da detti beni, che si impieghino a beneficio di essa chiesa parrocchiale purché non si impieghino in lingeria, in ornamenti, in cera, in oglio, e cose simili, per la di cui cura ed esecutore di questo mio testamento nomino l'ordinario, [affinché?] nel modo sovra ordinato faccia eseguire, ed eseguisca quanto in questo mio testamento ho prescritto, sempre detti miei beni, si possano alienare o commutare, per qualsivoglia titolo da qualunque soppresione, ancorché sia il romano pontificio, e nel caso si voglia commutare od alienare, voglio, ed a mia irrevocabile volontà, la quale voglio, che non ammetta interpretazione alcuna, che tutti i [?] rimanenti beni lasciati a questa chiesa parrochiale nella qualità d'erede, di [condursi?] e di applicarsi in tante messe private fra lo spazio di due mesi, in suffragio dell'anima mia, dei miei genitori, e del fu zio Sacerdote Giovanni Budroni, autorizando nel caso di commuta ad alienazione che si prettendesse, il paroco pro tempore a sostenere questa mia volontà in quanto sarà possibile, con fare anche dalle spese dei frutti di detti 

foglio VI
miei [?] beni lasciati a questa parrochia. Sarà inoltre questa parochia obbligata ha (sic) celebrare annualmente e perpetuamente, cinque anniversari, uno il giorno del mio obito, il giorno dell'obito dei miei genitori, in quello dell'obito del mio fratello domenico, ed in quello dell'obito del fu mio zio fu Giovanni Budroni, coll'obbligo pure di dare al paroco pro tempore scudi sei il giorno della festa della Vergine Addolorata ogni anno perpetuamente, con questo che abbia sorvegliato sull'adempimento di tutti i legati perpetui, nel caso non abbia così adempiuto, cioè di sorvegliare, voglio che pur quell'anno, o anni, sia egli [privo?] del legato delli scudi sei.

Questo è il mio testamento, ed ultima volontà mia, che voglio valga per tale e se per tale voler non passa, voglio valga per codicillo, donazione causa di morte, od in altra miglior maniera possa aver luogo in dritto, rivocando qualunque altro testamento da me precedentemente fatto, mentre il presente voglio sia posto nella totale esecuzione il quale per essermi stato letto dall'infrascritto notaio alla presenza dei [?] testimoni in alta, ed intelligibile voce, dalla prima fino all'ultima riga e pur anessa come intelligente capitolo, per capitolo ben compresa la loro forza, in ogni sua parte l'approvo, ratifico e confermo e prego li sette [?] signori testimoni, unitamente allo stipulante notario, abbiano da soscrivendo e lo soscrivo io di propria mano di [?] = Cavaliere Giommaria Satta =

Testi presenti alla lettura di questo testamento, pregati da detto testatore, sono i sottoscritti [?]

sacerdote Antonio Cherchi teste = sacerdote teologo Francesco Maria Polo teste = sudiacono Salvatore [?] teste = chierico Luigi Tolu teste = Giommaria Pisano teste = Giuseppe Demelas teste = Giuseppe Tolu teste = Giommaria Floris notario pubblico. 
[…]
Cargieghe, li 11 marzo 1831»

Sassari, Biblioteca Universitaria, Fondo Soppresse Corporazioni Religiose, ms 698, CNMD\0000046270, cc. 154r-157v


Intestazione


venerdì 16 ottobre 2015

La casa parrocchiale di Cargeghe, foto-inchiesta



di Giuseppe Ruiu


La casa parrocchiale di Cargeghe ha sempre attratto la curiosità di molti, forse per quell’alone di mistero che vi aleggia: c’è chi giura sulla presenza di arcaici tunnel voltati a botte celati nei suoi sotterranei, chi invece asserisce essere stato suo antico proprietario il famigerato Duca dell’Asinara, tra i più insigni e temuti feudatari di Sardegna. Niente di più è lecito sapere, nessuno studio specifico vi è stato mai condotto che si sappia.

Entrarvi significa compiere un viaggio a ritroso nel tempo e, solo per un attimo, sorvolando sulle ingiurie apportate dalla negligenza umana e dallo scorrere lento dei secoli in questo lembo di Logudoro, è possibile immaginare gli ambienti nel loro stato di grazia durante l’Età dei lumi. Ecco, d'improvviso pare quasi di scorgere una dama incedere con grazia, in un frusciare di sete, lungo gli anditi polverosi mentre al suo fianco, seguito dai lacchè, un nobile dell’Ancien régime dal volto austero le porge il braccio con garbo.

Chissà quali sfarzosi ricevimenti sotto le volte decorate dei saloni, quali riti e cerimonie settecentesche si celebrarono al riparo delle laccate porte di quercia… Oppure fu solo una rustica residenza di periferia abbellita per sostenere il rango del proprietario e rendergli più comode le battute di caccia nella zona?

Probabilmente non si saprà mai, quel che è certo è che oggi questa vetusta palazzina, di proprietà della curia di Sassari, versa in uno stato di forte degrado. Le pitture murarie, e gli stucchi, presenti al suo interno, già in parte deteriorati, rischiano di venire definitivamente compromesse.

La mancata salvaguardia e recupero della nostra cultura materiale non può essere giustificata dalla cronica mancanza di risorse finanziarie, e il senso civico ci impone ogni sforzo teso al recupero dall’oblio di questo edificio storico di sicuro pregio artistico che, senza dubbio, potrebbe raccontare di se parecchio se solo si avesse quella sensibilità che consente di percepire la sua silente richiesta di aiuto.

La sua probabile prima menzione, individuata dallo scrivente nei Quinque libri di Cargeghe, risale all'anno 1632, dove in un legato del testatore Juanne Anguelu de Serra Manca, vengono descritte le sue proprietà tra cui: «[...] su istallu sou de pianu de queya (q[ue] constat de 19 aposentos ey su palateddu»
La sua casa nel piano della chiesa che consta di 19 stanze e il palazzetto... e in effetti la casa parrocchiale consta di un numero di stanze molto vicino a quello indicato in questo documento, con il palazzetto ormai non più esistente, ma visibile in foto d'epoca degli anni '50 del XX° secolo.

Un'Altra fonte più antica, dell'anno 1570 menziona altro edificio a più piani quale: su palatu de mastru Pedru de Fiumen, e, sempre all'interno del villaggio, si descrive la presenza di un non meglio specificato monastero: su muristere, ma si ignora la sua esatta ubicazione ne tanto meno si conosce l'ordine monastico a cui appartenne poiché tutte le altre fonti storiche tacciono della presenza nel paese di un tale edificio sacro.

Non è possibile mettere precisamente in relazione queste strutture con l'attuale casa parrocchiale, anche se la medesima in un lontano passato avrebbe potuto costituire un unico complesso con l'adiacente chiesa parrocchiale, come ben descritto in una anonima nota dell'Archivio parrocchiale sempre della seconda metà del XX° secolo:

«Accanto alla chiesa parrocchiale sorge il complesso, perché tale va definito, dell'attuale casa parrocchiale, antico palazzetto del Duca dell'Asinara.
È formata da un ampio corpo diviso a stanze e da un androne, ora trasformato in stanza d'ingresso, ma un tempo certamente androne carraio, dal quale si accedeva ad una torretta della quale restano solo alcuni ruderi, e che probabilmente ospitava un granaio ed un forno (ancora visibile).
Dietro la casa si estende un giardino fino a qualche decennio fa strutturato “all'italiana” e nel quale sono visibili resti cimiteriali, come d'altronde nei terreni adiacenti alla piazza della chiesa.
All'interno la casa rivela decorazioni accurate ed, alcune, di buona fattura e raffinatezza (specie nelle volte), con vari motivi a grottesche, paesaggi o motivi floreali. Le porte interne conservano, sotto la vernice, i colori e le decorazioni originali.»

La casa parrocchiale vista dalla via Roma 

Il complesso con la chiesa parrocchiale sullo sfondo 

Ciò che rimane delle strutture del palazzetto 
  
Vista delle strutture dal retrostante cortile parrocchiale 

Vista sempre dal cortile parrocchiale 

 Puntellamento dell'ingresso dal cortile

Ambienti interni 

 Ambienti interni, stanza decorata

 Ambienti interni, con porta d'epoca


 Ambienti interni che affacciano sulla via Brigata Sassari

Volte decorate 

 Volte decorate

Pittura muraria: visione immaginifica di
Venezia nell '800. 

Pittura muraria: paesaggio con castello e cascate,
e soprastante emblema dei duchi Manca

 Pittura muraria: paesaggio lacustre

Stucchi 

Stucchi con putti  

 Stucchi

 Altre decorazioni si intravedono
sotto lo strato di vernice

Le stalle 

Stalle: arco tamponato 

Stalle: porta murata che dà accesso ad
altri ambienti sotterranei

giovedì 17 settembre 2015

L'agglomerato urbano di Cargeghe tra la metà del 1500 e gli inizi del 1600


di Giuseppe Ruiu




Ipotetica ricostruzione grafica dell'abitato di Cargeghe 
tra la metà del XVI° e gli inizi del XVII° secolo



Attraverso le fonti storiche d'archivio è possibile delineare, con un certo grado di approssimazione, l'agglomerato urbano di Cargeghe e il suo territorio circonvicino tra la metà del 1500 e gli inizi 1600.

Il villaggio era raccolto intorno alla sua chiesa parrocchiale edificata in data imprecisata comunque verso la metà del XVI° secolo – probabilmente su impulso della famiglia sassarese dei Montañans-Castelvì feudataria del paese – forse su preesistenze di epoca anteriore. Le prime menzioni di tale edificio sacro con le sue originarie cappelle tardogotiche, sul lato destro della navata, risalgono al 1570. Delle cappelle del transetto invece rimane una consunta iscrizione all'interno della chiesa che rimanda alla loro edificazione nell'anno 1588, avvalorata da una citazione in un legato presente nei Quinque libri della loro elevazione nell'aprile dello stesso anno. In tali cappelle si denota il nuovo stile rinascimentale che si discosta dal tardogotico originario, sintomo questo che le maestranze di picapedrers sassaresi iniziavano ad assimilare gli stilemi portati nell'isola dai Gesuiti, insediatisi nella vicina Sassari pochi anni prima. A riprova di quanto asserito, nella cappella a cornu evangelii è collocata una gemma-chiave di volta con il trigramma IHS, classico emblema della Compagnia di Gesù.

Pur ignorando la genesi del villaggio, indagini archeologiche condotte nel 1988 dalla dottoressa Giuseppina Manca di Mores (Aspetti topografici nel territorio di Cargeghe in età romana) indicano in località Santu Pedru e S. Episcopio (in realtà trattasi del sito di S. Procopio dove si trovava una chiesa oggi non più esistente) territori comunali a valle dell'attuale abitato, l'esistenza di un insediamento di lunga durata fra il II sec. a.C. e il VII d.C., posto intorno alla chiesa romanica di Santu Pedru, oggi anch'essa non più esistente ma menzionata nel Condaghe di San Pietro di Silki, e dal canonico Giovanni Spano nel XIX° secolo. Una certa tradizione popolare vuole che proprio in tale sito fosse ubicata la Cargeghe medievale.

Sempre la medesima tradizione, indica lo spostamento di sede del villaggio verso la metà del 1300 nell'odierno sito collinare che sovrasta la piana sottostante di Campo Mela dove passava la medievale via Turresa, la a Turre Karalis di epoca romana.
In virtù di ciò è possibile congetturare sulla ragione del cambiamento di sede dettata da ragioni sanitarie – la metà del XIV° secolo vide il propagarsi nel continente europeo e in Sardegna dell'epidemia di peste nera che rase al suolo intere comunità – ma soprattutto da motivazioni difensive e di controllo del territorio circostante, dato che in tale turbolenta epoca l'isola fu soggetta a uno stato di guerra permanente tra numerose forze in campo fra cui i primi feudatari del paese: la famiglia dei marchesi Malaspina, il Regno di Sardegna catalano-aragonese, l'altra famiglia di origine ligure dei Doria e l'autoctono Giudicato d'Arborea, a seconda delle circostanze in pace o in guerra tra essi. Seppur oggi meno evidente, la parte storica del paese è ubicata su un ciglione in una posizione dalla quale la vista spazia sulla piana sottostante e dalla quale il paese è raggiungibile superando un non indifferente dislivello; ubicazione che induce a considerare motivazioni di natura difensiva relativamente alla scelta del nuovo sito da parte dei suoi abitanti. Tutti i vari contingenti di armati irrompevano infatti nell'alto Logudoro attraverso l'arteria principale a valle e dunque ben visibili dal nuovo sito che consentiva ai suoi abitanti di approntare le difese necessarie e mettersi in salvo per tempo.
Nemmeno è da escludere che dal punto di vista urbanistico il villaggio fosse costituito “a grappolo”, ossia da modesti insediamenti umani posti a breve distanza sul territorio in prossimità di un fulcro comunitario costituito da un edificio di culto.

Alla metà del 1500, l'agglomerato urbano di Cargeghe, costituito da poche centinaia di abitanti, doveva essere compreso principalmente tra l'odierna parte alta di via Roma nei pressi de Sa piedade e la parrocchiale, con poche altre abitazioni sparse scendendo poco oltre il vecchio edificio comunale, in origine luogo di amministrazione civile e prigione.
Sappiamo da un documento redatto dal rettore Pietro Pilo nel 1893 – nel quale si favoleggia di una immaginifica Tresnuraghes di Cargeghe - che proprio in tale sito sorgesse un nuraghe, all'epoca ancora visibile, ed altro non molto discosto da esso, i cui pochi resti sono ancora oggi osservabili e costituiti da alcuni grossi blocchi di pietra inseriti in un vicino muro al lato della via Roma.

Nei pressi della chiesa, forse sul lato destro dell'ingresso, era presente una tomba di giganti di epoca nuragica, così come ci viene descritta dal canonico Giovanni Spano nel 1873: “Pietre coniche fisse al suolo in forma di sepolture da gigante”. Tutto intorno alla chiesa, e di fronte ad essa, era ubicato il cimitero di Santu Chìrigu, di frequente citato dalle fonti parrocchiali, il cui portale d'ingresso e la parte alta del paese - la plaça de la parroquial Iglesia - sono ben descritti in un legato del 1739.
Tutti i ritrovamenti di ossa umane in questa area del paese dovrebbero essere inerenti a tale cimitero che raccolse anche gran parte dei deceduti, circa 332, dell'epidemia di peste che falcidiò il paese nell'estate del 1652. Tale sito già in epoche più remote dovette essere luogo di sepoltura data anche la presenza di una necropoli in ziro (tombe in giara) descritta sempre dal canonico Spano il quale, per le sue ricerche archeologiche in zona, si avvaleva della collaborazione del rettore di Cargeghe dell'epoca, il teologo osilese Filippo Felice Serra, storico appassionato e proprietario di una raccolta numismatica.

L'Oratorio di Santa Rughe, e il suo annesso cimitero, invece è di qualche secolo posteriore rispetto alla parrocchiale se prendiamo per buona la datazione del 1630 incisa in una parete all'interno di esso, anche se s'Obera de Santa Rugue è citata nei registri parrocchiali già dall'anno 1584, mentre la prima menzione dell'oratorio vero e proprio è dell'anno 1672. Una fonte della fine del 1800 descrive tale oratorio ancora ubicato alla periferia del paese... Tale informazione è alquanto indicativa per comprendere circa lo sviluppo urbano di Cargeghe nel corso dei secoli.

Il più antico accesso al paese doveva essere quello che saliva dalla piana sottostante, passante per Su chercu mannu, e arrivava in prossimità della fonte principale di Cargeghe, un tempo collegata direttamente ad esso da una salita oggi presente solo in parte. Superato tale dislivello si arrivava alla base del paese, ma per accedere alla parte alta si doveva superare una ulteriore salita che immetteva nel centro urbano vero e proprio.

Una fonte del 1570 menziona all'interno del villaggio la presenza di un non meglio specificato monastero: su muristere, ma si ignora la sua esatta ubicazione ne tanto meno si conosce l'ordine monastico a cui appartenne poiché tutte le altre fonti storiche tacciono della presenza nel paese di un tale edificio. La stessa fonte cita anche rare abitazioni a più piani (storicamente la casa sarda tradizionale era composta da un solo piano), come su palatu de mastru Pedru de Fiumen e un forno: su furrague, mentre altra fonte più tarda, del 1632, descrive un'abitazione – su istallu de pianu de quexa - composta da ben diciannove stanze e un palazzetto, su palateddu, che dovrebbe riferirsi all'attuale casa parrocchiale.

Molti sentieri, caminos publicos, o pitiracas, circondavano Cargeghe. Alcuni di essi, di antichissima origine, salivano dalla principale via Turresa verso le colline interne rendendo più agevole il passaggio di pedoni, carri e animali. Tra essi quello denominato di sos Baiolos - in sardo medievale: i faticatori - che conduceva alla periferia del vicino centro di Ossi, così come un sentiero doveva condurre verso Florinas, ed altri “caminos publicos que falan dae sa idda de Cargegue a Sanctu Pedru”.

Il sentiero principale che conduceva verso il paese biforcava verso l'antica chiesa di Santa Maria de Contra: la Sancta Mariae in Contra delle fonti storiche (e da questa un altro sentiero ancora in parte esistente conduceva a quelle di Santu Pedru e di Santu Precòpiu) nei cui pressi era ubicato il piccolo villaggio (o romitorio) di Contra, estintosi precocemente.

In prossimità dell'antico agglomerato cargeghese erano ubicati i terreni di sua pertinenza: i boschi di querce dovevano essere molto estesi e fitti, dato che ancora oggi possiamo trovarne buone porzioni costituite da querce secolari. I terreni boschivi davano la possibilità agli abitanti del villaggio di fare la propria provvista di legna. Numerosi erano anche gli alberi di noci, mandorli e i ciliegi ben presenti nella memoria orale del paese, così come le vigne sempre menzionate in gran numero. Le viddazoni, terreni pubblici o privati coltivabili o per il pascolo si trovavano sia in prossimità del paese ma anche a valle e più oltre verso montes. Quelli di pertinenza della chiesa, ad esempio, sono descritti nel registro di amministrazione della parrocchia della metà del XVIII° secolo.

Alcune abitazioni, di modeste dimensioni e per lo più a un piano, avevano un proprio cortile, sa corte, dove poter allevare alcuni animali e magari coltivare un piccolo orto.
Gli olivi, che una certa tradizione storiografica vuole impiantati in Sardegna principalmente in epoca spagnola, dovettero essere presenti nel territorio già da epoche ben più antiche, anche se probabilmente non in gran numero.

Grazie a tali dati è stato dunque possibile ricostruire, sempre con un certo grado di sana immaginazione, l'assetto urbano del villaggio in tale epoca attraverso programmi di grafica e foto-ritocco, partendo dalle odierne immagini satellitari.



***

mercoledì 2 settembre 2015

Piccola cronaca giudiziaria cargeghese

Estratta dal quotidiano «La Nuova Sardegna», anni 1892 – 1921


a cura di Giuseppe Ruiu





15 ottobre 1892

al Tribunale Penale

Nell’udienza d’oggi, rappresentando il P.M. l’avv. Bertea, furono giudicati le seguenti cause:
-Pilichi Antonio Maria di Codrongianos e Serra Antonio da Cargeghe, appellanti dalla sentenza del pretore di Ploaghe 4 maggio 1892, che li condannò a 16 giorni di reclusione e Lire 55 di multa per oltraggio, a danno di Ruiu Francesco assessore comunale di Cargeghe; fu dichiarato non farsi luogo a procedere; difensori avv. Tanda e Mossa; parte civile avv. Stara Andrea.

25 gennaio 1894

Solinas Giovanni di Cargeghe: imputato di favoreggiamento condannato in contumacia a cinque anni di reclusione.

13 febbraio 1894

Cherchi Gavino Maria, contumace, di Cargeghe; imputato di appropriazione indebita qualificata. Condannato in contumacia ad un anno e 5 giorni di reclusione, condonati per l’amnistia. Difensore Soro Pirino.

21 aprile 1894

Corte d’Assise

Il dibattimento contro Giovanni Antonio Serra di Cargeghe cominciato il giorno 12 corrente, volge al suo termine.
Oggi la corte ha ordinato l’arresto di tre testimoni a difesa: Antonio Cuccuru, contadino di Bortigali, domiciliato a Cargeghe, Domenico Satta, calzolaio di Ploaghe e Gavino Cherchi, contadino, di Cargeghe, ritenendo false le loro disposizioni; il giudice Pietro Piredda è stato incaricato dell’istruzione del relativo processo.

7 ottobre 1894

Tribunale penale di Sassari

Fazzi Paolo fu Antonio di Cargeghe e Mozzo Pietro fu Giuseppe di Ozieri.
Appello da sentenza del pretore di Sorso. Imputati di lesioni personali reciproche. Confermata. Difensori Dessena e Sole.

1 febbraio 1895

Tribunale penale di Sassari

Carta Giuliano fu Giovanni di Cargeghe:
imputato di falso giuramento. Condannato d cinque mesi di reclusione, L.83 di multa e sei mesi di interdizione dai pubblici uffici.

30 settembre 1895

Tribunale penale di Sassari
udienza del 28

Dettori Quirico fu Maurizio, da Cargeghe; imputato di appropriazione indebita di quattro pecore. Non luogo per inesistenza di reato. Difensore Mossa.

6 ottobre 1895

Tribunale penale di Sassari

Manunta Antonio fu Giuseppe, di Cargeghe: imputato di coltivazione abusiva di tabacco. Rimandato a tempo indeterminato.

Demelas Matteo di Nicolò e Sanna Giovanni Antonio di Matteo, di Cargeghe: imputato di coltivazione abusiva di tabacco. Rimandato a tempo indeterminato.

30 ottobre 1895

Tribunale penale di Sassari

Pirastru Gavino fu Giovanni, di Cargeghe; imputato di minacce con armi. Condannato a dodici giorni di detenzione. Difensore Dessena.

5 dicembre 1895

Tribunale penale di Sassari
Udienza del 2

Marras Salvatore fu Gio Battista, da Cargeghe; imputato di lesioni personali per imprudenza e contravvenendo all’art.482 del Codice Penale. Condannato a 2 mesi di detenzione e lire dieci di ammenda. Difensore Berlinguer.

10 gennaio 1896

Tribunale penale di Sassari

Dettori Paddeu Quirico fu Maurizio, di Cargeghe; imputato di calunnia. Assolto per non provata reità. Difensore Carboni.

10 aprile 1896

Corte d’assise di Sassari

Ieri  è cominciata la terza quindicina con la causa contro Porcu Giovanni fu Stefano, d’anni 40, contadino, nato a Thiesi e domiciliato a Cargeghe, accusato d’avere il 23 agosto 1895 in territorio di Cargeghe ucciso Ruiu Antonio Maria, ferendolo con una roncola. Il Porcu ammette il fatto ma pretende d’avere colpito per legittima difesa e senza intenzione d’uccidere.

10 aprile 1896

Corte d’assise di Sassari

E’ terminata la causa contro Porcu Giovanni di Thiesi, domiciliato a Cargeghe, accusato dell’omicidio volontario di Ruiu Antonio Maria. I giurati hanno escluso la legittima difesa, ammettendo invece l’eccesso di difesa, senza l’intenzione di uccidere e con attenuanti.
In base al verdetto la corte ha condannato il Porcu ad anni sei e mesi otto di reclusione, danni e spese.

31 agosto 1896

Tribunale penale di Sassari

Derudas Antonio e Sanna Matteo di Cargeghe.
Assolti per non provata reità.

9 dicembre 1896

Tribunale penale di Sassari

Pinna Gio. Battista fu Paolo, di Cargeghe. Appello da Ploaghe. Amnistiato.

16 dicembre 1897

Tribunale penale di Sassari

Bazzoni Antonio e Ruiu Francesco, di Cargeghe. Confermata la sentenza di Ploaghe.

7 aprile 1898

Tribunale penale di Sassari

Cherchi Giovanna Maria, di Cargeghe; tentato lenocinio. Condannata a mesi tre di reclusione e L.100 di multa.

26 aprile 1898

Tribunale penale di Sassari

Fele Giovanni Antonio, Pani Giovanna, da Cargeghe; imputati di furto qualificato.
Condanna il Fele alla reclusione per mesi sei; assolta la Pani per non provata reità.

8 novembre 1898

Tribunale penale di Sassari

Pinna Marianna di Cargeghe; imputata di ingiurie; appello da Ploaghe. Confermata.

7 febbraio 1899

Tribunale penale di Sassari

Nieddu Antonio e Nieddu Quirico, da Cargeghe; appello da Ploaghe per danneggiamenti. Confermata.         

8 febbraio 1899

Tribunale penale di Sassari

Spanu Giovannico, da Cargeghe; appello dalla sentenza del pretore. Non luogo a procedere contro l’appellante.

26 marzo 1899

Tribunale penale di Sassari

Spanu Giovanni, da Cargeghe: appello da Ploaghe. Confermato.

11 maggio 1899

Tribunale penale di Sassari

Poddine Giovanni Antonio, da Cargeghe. Assolto per non provata reità.

30 novembre 1899

Tribunale penale di Sassari

Pulina Angelo da Sorso, Serra Baingio da Cargeghe; imputati di furto qualificato e tentato. Condanna il Pulina alla reclusione per anni 3 e mesi 9.

12-13 novembre 1907

Tribunale penale di Sassari

Sanna Maria Raimonda e Cherchi Maria Giuseppa ambe da Cargeghe; lesioni reciproche. Condanna la Sanna a mesi due di detenzione e la Cherchi a giorni 10 di reclusione applicando loro la legge del perdono.

25-26 novembre 1907

Tribunale penale di Sassari

Billi Stefano, da Cargeghe; furto qualificato. Condannato a mesi tre e giorni 28 di reclusione, con la legge del perdono.

9-10 gennaio 1907

Tribunale penale di Sassari

Soletta Gio. Antonio, da Cargeghe; appello per lesioni personali. Rinviato a tempo indeterminato.

13-14 aprile 1908

Conciliatore e Vice Conciliatore

Sono nominati vice conciliatori: Fancellu Giovanni, Cargeghe, […].

6-7 giugno 1911

Tribunale penale di Sassari

Nieddu Chiara Maria, da Cargeghe; furto qualificato. Condannata a mesi cinque di reclusione; sospesa per 5 anni.

8-9 novembre 1911

Sciola Giuseppe, da Cargeghe; renitente alla leva. Non farsi luogo per amnistia.

27-28 gennaio 1912

Tribunale penale di Sassari

Biosa Luigi, Biosa Giovanni Maria, da Cargeghe; lesioni personali colpose; il Biosa Giommaria inoltre di contravvenzione all’articolo 466 del Codice Penale.
Condanna il Biosa Luigi a L.125 di multa ed il Biosa Giovanni Maria, alla multa di lire 250 e lire 10 di ammenda. Sospende l’esecuzione per 5 anni.

16-17 marzo 1913

Ecco il ruolo delle cause da trattarsi dalla corte d’assise di Sassari presieduta dal cav. Marcialis nella quindicina che avrà principio il 21 marzo corrente:
2, 3, 4, 5 e 7 aprile: Arras Maria Giuseppa, da Cargeghe; accusata di duplice mancato omicidio in persona del marito e duplice contravvenzione al porto di arma.

24-25 aprile 1915

Tribunale penale di Sassari

Tolu Giovanni, da Cargeghe; appello da Ploaghe per frode in commercio e contravvenzione metrica. Assolto per inesistenza del reato di frode, e per amnistia nei riguardi della contravvenzione.

26-27 aprile 1915

Tribunale penale di Sassari

Cuccuru Salvatore, da Cargeghe; appello da Ploaghe per deviazione delle acque.
Assolto per mancanza di querela, trattandosi di esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

28-29 gennaio 1916

Tribunale penale di Sassari

Tanca Pietro, da Cargeghe; appello. Confermata.

25-26 novembre 1917

Tribunale penale di Sassari

Carboni Lucia da Cargeghe; appello da Ploaghe per diffamazione. Ritenuta responsabile di ingiuria e condannata a lire 50 di multa.

4-5 ottobre 1921

Tribunale penale di Sassari

Ugone Alessandro da Cargeghe. Appello da sentenza del pretore di Ploaghe. Assolto perché il fatto non costituisce reato.

***